Pokémon Go colpisce anche il mercato immobiliare.

di Shadow 796 views0

In Australia gli annunci immobiliari riportano la presenza di PokeStop e Gym e i prezzi delle case aumentano

 

Tre camere, due bagni e un PokeStop. In Australia Pokémon Go sta già sta lasciando il suo segno anche nel settore dell’immobiliare. Secondo alcuni agenti immobiliari i prezzi degli immobili potrebbero beneficiare di questo gioco e della presenza di Pokémon all’interno dello stabile. Se, da una parte, alcuni proprietari di immobili, sconvolti dalla presenza di decine di Poke-zombie nel loro stabile hanno chiesto che la loro posizione reale fosse rimossa dal Poke-verse, altri – sia proprietari di immobili sia agenti immobiliari –stanno approfittando proprio della presenza di un PokeStop per vendere l’immobile più velocemente e a un miglior prezzo.

Disponibile anche in Italia dal 15 luglio Pokémon Go è il gioco della Nintendo per smartphone che permette di giocare ai Pokémon sfruttando la realtà aumentata (utilizzando cioè la geolocalizzazione e la propria fotocamera per trovare e catturare i Pokémon nel mondo vero).

Basta attraversare la strada  per trovare un enorme parco con attrezzature sportive – e abbiamo scoperto che vi è anche qualche raro Pokémon“, recita l’annuncio immobiliare esposto per un immobile sito al 222 di Charles Street a Townsville Cranbrook, nello stato di Queensland in Australia – http://www.remax.com.au/15837675 .

Rob Levy dell’agenzia RE/MAX in Townsville sta gestendo proprio la vendita della casa in  Charles Street. Secondo Levy le location virtuali del gioco Pokémon Go possono “assolutamente” influire positivamente sul prezzo di vendita o di affitto di un immobile.

Specialmente tra i giovani under 35 anni alla ricerca della loro prima casa – dichiara Rob Levy –Townsville è una piccola città con una altissima offerta di case in vendita. Attualmente sono circa 4.000 gli immobili sul mercato. Quando hai la possibilità di scegliere tra 300 case identiche, perché non sceglierne una vicino a un PokeStop?”

Affiliato al Gruppo Immobiliare Internazionale RE/MAX, l’agente immobiliare— il cui miglior Pokémon è un  Pinsir 500 CP — racconta che in Townsville è nata una community locale su Facebook dedicata al gioco Pokémon Go che conta già più di 3.500 membri.

Da qui è nata la sua idea, volta ad incrementare il suo business, di inserire nell’annuncio immobiliare dell’immobile di Charles Street indicazioni inerenti alla presenza di Pokémon, e adesso il suo portfolio immobiliare propone altri 4 immobili dove è possibile ‘catturare’ dei Pokémon.

Adesso oltre a fornire informazioni riguardanti  l’immobile, devo assicurarmi di essere in grado di fornire all’acquirente informazioni dettagliate sulla presenza o meno di un PokeStop o una Gym dove allenare i Pokémon. – dichiara divertito Rob Levy – Se solo qualcuno lo avesse fatto una settimana fa, lo avrebbero preso per pazzo”.