ITALIANI E CIBO: LA RICERCA EVIDENZIA 5 TREND IN 7 ANNI

di Shadow 34 views0

Come sono cambiati gli italiani a tavola? Come si sentono di fronte allo specchio? A cosa stanno attenti quando fa la spesa? A farne una fotografia è l’analisi effettuata sulle ultime sette edizioni dell’Osservatorio Nestlé- Fondazione ADIche ha analizzato un campione totale di oltre 55mila italiani.

Cinque i trend di cambiamento che chiaramente emergono dallo studio, una delle più complete indagini effettuate nel nostro Paese sullo stato di forma fisica e sulle abitudini alimentari della popolazione: in aumento gli italiani che seguono la regola dei 5 pasti, sale l’attenzione alle porzioni e alle calorie ingerite, aumenta la soddisfazione del proprio peso e cresce la tendenza all’autodiagnosi in campo alimentare.

Italiani dunque popolo di santi, poeti e … virtuosi a tavola? Forse non ancora, come spiega il dott. Giuseppe Fatati, Presidente della Fondazione ADI e Coordinatore Scientifico dello studio: “Se dunque è vero che il campione di “virtuosi consapevoli” si attesta nel 2016 al54%, non tutti i trend identificati possono essere considerati come positivi, soprattutto tenendo presente la percentuale di popolazione in sovrappeso che nel nostro Paese continua a crescere (28% nel 2009 vs 30% nel 2016)”.

 

I 3 TREND POSITIVI

  • 5 pasti al giorno: italiani attenti e disciplinati – secondo l’Osservatorio Nestlé – Fondazione ADI le persone che seguono questa buona abitudine sono in aumento: rispetto al 2011 è cresciuto di 5 punti percentuali, passando dal 16% al 21%.
  • Porzioni: italiani sempre più fiscali – il 26% degli italiani fa sempre attenzione alle porzioni che mette nel piatto, trend in aumento di 9 punti percentuali rispetto al 2011 (da 17% a 26%).
  • Calorie che passione! – in questi anni  è aumentato il numero dei “maniaci” del controllo delle calorie ingerite: dal 2011 all’ultima rilevazione del 2014 si è registrato un aumento di 4 punti percentuali (dal 10% al 14%).

Questi risultati sono molto incoraggianti e dimostrano come le campagne di educazione alimentare e un’informazione mirata stiano iniziando a portare i primi frutti. Oltre a porre attenzione alla frequenza dei pasti e alle porzioni, è necessario però ricordare che il tempo dedicato ai pasti è fondamentale per l’assimilazione dei cibi, il gusto e l’equilibrio di tutta la dieta giornaliera”, ha commentato il dott. Giuseppe Fatati – Presidente della Fondazione ADI e coordinatore scientifico dello studio.

2 CAMPANELLI DI ALLARME

Proprio considerando l’ancora alta percentuale di popolazione in sovrappeso, è chiaro che alcuni trend risultano particolarmente pericolosi:

  • Basare la propria educazione alimentare sull’esperienza personale: c’è chi mangia gluten free senza essere celiaco; chi elimina latticini, lieviti e persino pomodori. Sempre più italiani si credono allergici, senza nessuna ragione medica. Secondo quanto emerso dall’Osservatorio Nestlé – Fondazione ADI, infatti, gli italiani ricorrono sempre più spesso all’autodiagnosi (la percentuale aumenta dal 5% nel 2010 al 25% nel 2016), e si gestiscono autonomamente, affidandosi all’esperienza personale. I dati evidenziano un netto calo nella rilevanza della figura del medico di fiducia e del genitore (decremento dal 37% nel 2010 al 28% nel 2016)  come punto di riferimento per l’educazione alimentare.
  • Essere soddisfatti del proprio peso: dal 2009 ad oggi è diminuita la percentuale di persone (dal 26% al 19%) che si ritengono “per niente soddisfatte” del proprio peso ed è aumentata, invece, quella di coloro che si dichiarano molto soddisfatti/soddisfatti (dal 36% al 41%)

“Quest’ultimo dato, in particolare, dimostra una sottovalutazione del problema dell’obesità, soprattutto da parte degli uomini. Non solo. A farci tenere sempre le antenne alzate è il metodo di informazione e diagnosi che non può essere quello del fai da te”, ha commentato il dott. Giuseppe Fatati.